Google celebra Saul Bass

Un Doodle per il genio dei titoli di testa

saul bass vertigo

A 93 anni dalla sua nascita, Google dedica la giornata odierna a Saul Bass, designer e pubblicitario statunitense: un Doodle e un cortometraggio della durata di un minuto e mezzo. Scomparso nel 1996, Bass ha realizzato loghi e immagini per grandi aziende (AT&T, United Airlines, Minolta, Contintental e Warner Communications), ma è ricordato soprattutto come “il mago delle sigle di testa”, colui che ha trasformato le sequenze introduttive dei film in una forma d’arte.

Punto di svolta della sua carriera è l’inizio della collaborazione con Warner Bros (1944). Da quel momento per Saul Bass inizia il sodalizio con il cinema americano, che lo porta a legarsi ai registi del secolo, tra cui Hitchock, Preminger, Scorsese, Kubrick e Spielberg e a realizzare le sigle di testa di capolavori come Vertigo (1958), Psycho (1960), Spartacus (1960), West Side Story (1961), Shining (1980), Goodfellas (1990) e Cape Fear (1991). Sua anche la grafica di “Casinò” e “Schindler’s List”. Non semplici scritte noiose per omaggiare i protagonisti, ma dei piccoli film prima del film.

L’inconfondibile stile di Saul Bass – che ha ispirato anche noi di Advertigo per la creazione del nostro logo – viene quindi “ripercorso” da Google in un video in cui i tratti peculiari delle sequenze cinematografiche che hanno reso celebre Saul Bass sono sapientemente “mixati” con il logo di Google.Il tutto, sulle note di “Unsquare Dance” di Dave Brubeck.