Il Social Media Team di Time Travel Experience

Blogger e special guest per il Palio della Balestra

Qualche settimana fa Advertigo ha lanciato il progetto Time Travel Experience con l’obiettivo di promuovere eventi e rievocazioni storiche del territorio nazionale attraverso la condivisione di esperienze in Rete. Un progetto che dal 6 al 9 settembre lancerà l’Edizione dedicata al Palio della Balestra di Sansepolcro, manifestazione d’eccellenza della Valtiberina che vanta origine e tradizione medievale. Per l’occasione Advertigo ha scelto il format del blog tour e insieme alla Società Balestrieri di Sansepolcro ha selezionato il Social Media Team composto da sei blogger che, in compagnia della special guest Valentina Piccini, alias Mamme a Spillo, andranno alla scoperta dei riti e delle Valentina-mammeaspillotradizioni legate a questa rievocazione storica e al territorio di Sansepolcro.

Ringraziamo tutti coloro che hanno inviato la propria candidatura attraverso il form online; la scelta è stata ardua, numerose le candidature presentate, tutte di alto livello e ci dispiace molto per chi non parteciperà, per questa volta, all’esperienza.

Ecco di seguito il Social Media Team di Time Travel Experience – Edizione Palio della Balestra composto da:

Ernesto de MatteisErnesto de Matteis, collaboratore di Trippando, blog di viaggi ma anche di attualità, cronaca, cucina, moda e tradizioni. Stanco della frenesia decide che la seconda parte della sua vita sarebbe stata più “slow” e per questo due anni fa apre la “Gianoteca” da lui stesso definita “la seconda casa di tutti”.

“Vivo per far conoscere al mondo questa parte di Paradiso in terra e per raccontare quello che mi hanno insegnato in questi 45 anni.”

Georgette Jupe del blog Girl in Florence è una curiosa “Tuscan Texan” che ha scoperto la città Georgette Jupedi Firenze dopo un anno di studio in Italia. Sul blog scrive della sua esperienza e di pensieri giornalieri su Firenze dal punto di vista di una persona giovane, normale che lavora in Italia.

“Amo la mia città, Firenze e spero di aiutare gli altri a scoprire il motivo per cui questa città rinascimentale è molto più di una cartolina!”

Gian Luca SgaggeroGian Luca Sgaggero, fotografo, ideatore e redattore del blog Sphimm’s Trip. Appassionato di viaggi fai da te, luoghi, tradizioni e culture lontane, sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo, di autentico e di vero, pronto a sperimentare nuove esperienze, con la filosofia low cost in una realtà che, oggi, somiglia a un teatrino a misura di turista.

“Non importa dove, come o quando, l’importante è esserci e vivere fino in fondo!”

Milena Marchioni del blog Bimbi e Viaggi, parla di bambini che viaggiano e condivide onlineMilena Marchioni le esperienze e le emozioni vissute dai genitori che decidono di girare il mondo assieme ai loro piccoli esploratori. La sua grande passione è viaggiare assieme alla sua famiglia: Davide e Amanda.

“L’arrivo di Amanda non ha fatto altro che alimentare la voglia di muoverci e vivere questa passione assieme a lei.”

ramona pizzanoRamona Pizzano di Farina, Lievito e Fantasia appassionata di cucina e non solo. Ama la fotografia e i viaggi. Le piace scoprire tradizioni e culture diverse ed immortalarle in scatti fotografici. Le piace parlare di sé attraverso il food e le diverte molto preparare i piatti dei paesi che visita.

“Il piacere più grande è sicuramente quello di condividere questa passione con amici e parenti, a cui preparo sempre piatti nuovi e succulenti.”

Valentina Dainelli, alias TooMuchVale del blog Too Much Tuscany sulla Toscana non Valentina Dainelliconvenzionale, per raccontarla a chi davvero ne vuole scoprire la vera essenza. Racconta di eventi, tradizioni, luoghi e persone che sono al di fuori dei classici circuiti turistici attraverso foto e parole.

“There is too much about Tuscany & Tuscany is definitively too much.”

Seguite i canali social e gli hashtags ufficiali dell’evento #ttexperience e #ttpaliobalestra per restare sempre aggiornati!!!

Facebook: Advertigo e Società Balestrieri

Twitter: @advertigotw

Instragram: @advertigo @balestrieri_sansepolcro

Il nostro Io Vettoriale

About Advertigo, ecco chi siamo

Possiamo forse definirlo un meta-progetto Advertigo?
Beh, perché no, in fondo è proprio di questo che si tratta!
Ideare e realizzare il nostro miglior modo per raccontarci è stato un gioco da ragazzi, sì, ma da ragazzi creativi.
Il progetto Io Vettoriale in Advertigo nasce proprio per questo: con il lancio del nuovo sito è nato il bisogno di personalizzare maggiormente la realtà dell’agenzia mettendoci, non solo per così dire, la faccia.
Ciò che serve per presentare un’agenzia creativa non può certo prescindere dall’essere esso stesso un progetto creativo, originale e coinvolgente, specchio della professionalità, del lavoro e dell’esperienza di Advertigo.vettoriale-wannabe

Il tutto di certo non secondo un’ottica autocelebrativa bensì autonarrativa per creare piccoli racconti fatti di persone, interessi e curiosità. Personalità diverse ma complementari arricchiscono il nostro team e risultano essere un importante e fondamentale valore aggiunto dedicato sia ai clienti, sia alla nostra stessa squadra.

Ed ecco così che, presentazioni originali e curiose si traducono in fedeli e ironiche caricature di noi stessi corredate da icone, simboli, citazioni scelte da ognuno di noi per descrivere ciò che più lo rappresenta.

Vicino ad ogni avatar, un breve testo, anch’esso piccolo gioco stilistico ed ironico, pensato per una propria descrizione espressa però in terza persona. Il fine è quello di presentarsi con occhi esterni per enfatizzare i propri difetti e le proprie virtù, quello che siamo e quello che avremo sempre voluto essere.
Wannabe… perché chi è che ancora non continua a fantasticare su quello che farà da grande? E visto che ormai, già grandi siamo, è importante non scordarsi dei nostri desideri per farsi guidare ed ispirare quotidianamente da essi nel nostro lavoro.
Per questo motivo Advertigo è Testa, Cuore e Polmoni.

Le aziende vinicole e i Social Network

Vino e Social, un binomio quasi perfetto

bottiSecondo la prima tesi del Cluetrain Manifesto i mercati sono conversazioni. Infatti sono formati da esseri umani che instaurano una conversazione su un determinato prodotto o servizio. Questi mercati non sono altro che l’insieme delle conversazioni fatte dalle persone. Per questo anche quello vinicolo è un mercato che instaura conversazioni off-line, ma anche on-line sul mondo del vino. Così il vino è qualcosa che da sempre unisce le persone ed è un elemento di socialità in grado di generare conversazione intorno ad esso.

Nella nostra era digitale il vino è sempre più “social” grazie alla nascita di forum, community e

Social e Wine

Social e Wine

piattaforme create ad hoc che però spesso non vedono coinvolte molte delle aziende produttrici. Infatti, secondo una ricerca condotta per la rivista Beverage&Grocery, nel Web si parla molto di vino e delle sue denominazioni e ancora poco di brand, cioè di aziende che lo producono.

Secondo voi tutte le aziende vinicole utilizzato i Social Network? Si potrebbe dare per scontato che ogni azienda di vino

abbia un sito costantemente aggiornato ed almeno un social attivo utilizzato per la sua strategia di marketing e comunicazione, ma le cose non stanno proprio così. In realtà vi sono aziende che non utilizzano nessun Social Media come strumento di marketing e di comunicazione e questo aspetto viene verificato sul campo con il nostro lavoro in Advertigo.

I Social Media più utilizzati dalle cantine italiane

I Social Media più utilizzati dalle cantine italiane

Per capire il rapporto tra l’utilizzo del Web e dei Social Media da parte delle cantine italiane facciamo riferimento all’indagine Il vino spinge su Internet per colmare il suo digital divide pubblicata da Wine News, il più grande portale di comunicazione del vino.
Secondo questa ricerca solo l’80% delle cantine prese in esame utilizza il Web per il proprio business. Invece per quanto riguarda l’utilizzo dei Social Network, Facebook rimane in testa alla classifica dei social preferiti e più utilizzati dagli italiani in generale e quindi anche dalle aziende vinicole. A seguire Twitter e YouTube hanno il parimerito (55%) ed infine i blog sono utilizzati dal 35% delle cantine, come ci mostra il grafico. In questa ricerca non si menzionano i social dedicati alla raccolta e alla condivisione di fotografie come ad esempio Flickr e il più recente Instagram che, grazie al loro grande potenziale visivo, offrono molti vantaggi alle aziende in questo settore.

Il vino è uno dei maggiori segni di civiltà nel mondovino e social

– Ernest Hemingway-