Dieci consigli utili per un sito di successo

Per creare e gestire la propria presenza Online

sito internet

Ogni sito è un progetto a sé stante, ma è opportuno seguire delle buone regole generali. Per questo abbiamo deciso di indicarvi dieci consigli necessari per realizzare un sito di successo.

1) Il menù è importante

Senza un menù ben organizzato, far scoprire i contenuti del vostro sito diventa difficile. Non si risolve mettendo tutto in home page. Fate attenzione quindi a evitare alcuni errori comuni:

  • I nomi: se il nome della pagine non è sufficientemente indicativo dei suoi contenuti, si rischia che l’utente si senta spaesato e trovi difficile la navigazione. L’utente non deve indovinare cosa conterrà la pagina, ma capirlo ancora prima di aprirla. Sono banditi i nomi troppo lunghi o composti.
  • Catalogare non è facile, ma se dovete farlo, ad esempio per un catalogo di prodotti, cercate di seguire i siti più famosi o le convenzioni adottate (per prodotto, per marca, alfabetico, per caratteristiche e così via).

2) Niente effetti speciali

Evitate video, animazioni e musiche se non sono in linea con il vostro  sito poiché non bisogna stupire gli utenti, ma dare loro quello che cercano.

Se per molto tempo si è cercato di stupire l’utente, anche senza motivo, ora si cerca invece di rispettarlo. Mettere lunghe e pesanti animazioni o musiche che partono all’avvio del sito senza richiesta risulta poco professionale.

Se video, audio, animazioni sono utili e coerenti, allora daranno un valore aggiunto al sito, altrimenti meglio lasciar stare. Vi ricordiamo che gli smartphone non visualizzano i siti in Flash.

3) Testi brevi e adatti al web

Pensare di riportare sul web testi nati per la carta o per un altro media è un errore.

Titoli ben fatti possono attrarre l’utente; sommari o brevi introduzioni tornano utili; approfondimenti e link esterni possono essere molto più utili se raggruppati alla fine del testo.

4) Aggiungere credibilità

Una parola spesa bene può aiutare ad attrarre nuovi consumatori. Inserite raccomandazioni o loghi dei clienti con i quali collaborate.

Scontato dare a queste informazioni una sezione dedicata, addirittura una pagina, in ogni caso vanno ben messe in evidenza.

5) Incoraggiare la conversazione

Produrre contenuti di qualità consente, a chi visita il sito, di avere un motivo in più per prendere in considerazione la vostra azienda.

Poter dialogare con essa, non solo sui social, e sapere di avere la possibilità di farlo liberamente (senza iscrizioni o limitazioni varie) ha una doppia valenza:

  • arricchisce il sito e incrementa l’interazione;
  • diventa un banco di prova per l’azienda che in questo modo riconosce soddisfazioni e insoddisfazioni dei propri consumatori.

Blog o sezioni dedicate alla risoluzioni di problemi vanno presi in considerazione.

6) Usare  bene gli stili grafici

Mettete in grassetto i termini più importanti cercando di creare un testo ricco di senso; evitate le sottolineature che di norma sono riservate ai link.

7) La velocità di caricamento

La grafica deve essere ‘leggera’ per non rendere lento e difficoltoso il caricamento delle pagine. Servono 4 secondi per convincere il visitatore che è sul sito giusto, se abbiamo pagine lente rischiamo di perderlo.

Inoltre sono sempre di più gli utenti che usano smartphone e tablet per connettersi ad internet e in questi casi la velocità non basta mai.

Creare pagine veloci è facile, basta evitare animazioni in Flash, immagini e sfondi di grandi dimensioni, tabelle, routine in javascript e separare la formattazione dai contenuti con un foglio stile.

sito di successo8) L’importanza dell’indicizzazione

I motori di ricerca sono affamati di testo, quindi è opportuno puntare su dei buoni testi che descrivono l’azienda, perché  se non lo facciamo noi il motore andrà a cercarlo sui siti dei nostri competitor e lo indicizzerà prima del nostro.

La struttura html deve essere ottimizzata perché tutte le pagine del sito vengano indicizzate dai motori di ricerca

L’indicizzazione viene fatta automaticamente dai motori in base a come il sito è stato realizzato: indicizzare solo dopo che abbiamo creato il sito è troppo tardi.

9) Poter condividere

Permettete all’utente di portare all’esterno tutto ciò che è contenuto all’interno del sito con i pulsanti che permettono la condivisione sui social.     Questo favorisce  al massimo la condivisione tra i canali. Integrate quindi tutti i pulsanti di condivisione dei social media più diffusi o quelli che sono stati studiati come utili alla diffusione dei contenuti del sito in fase di pianificazione.

10) Attenzione alle immagini

Una bella foto vale più di mille parole, ma non dimentichiamoci che le immagini pesano in termini di kilobyte, quindi rendono i tempi per scaricare una pagina più lunghi.

Se usate un’immagine, meglio prima ottimizzarla, ovvero ridurla a dimensioni adatte alla pagina dove verrà caricata in un formato compresso come .gif o .jpeg e date un nome appropriato alle immagini (non IMG003.JPG o similari).

Le immagini non vengono viste dai motori di ricerca e quindi non servono per il posizionamento, ma i loro nomi vengono visti e indicizzati da Google Immagini e questo può portare visitatori sul sito. Non commettiamo l’errore di lasciare alle immagini il nome originario spesso inutile per l’indicizzazione.

Il rap della mamma acrobata per la nuova 500l

La nuova 500l parla alle donne

mamma che canta rap

Lo spot della nuova 500L di Fiat Uk fa impazzire i sudditi di Sua Maestà. Solo che, a guardarlo bene, la macchina si vede appena. Forse per questo inizialmente la dirigenza dell’azienda è rimasta perplessa… Finchè il materiale non è finito tra le mani della moglie dell’amministratore delegato, che non la smetteva più di ridere. A giudicare dai click sul web, la signora ha fatto bene a convincere il marito ad accettare la proposta.

Protagonista dello spot una Rachel Donovan nei panni azzeccatissimi di una casalinga quarantenne, alle prese con quattro figli e le sfide quotidiane che chiunque debba e voglia essere madre ma anche donna deve affrontare. Un rap concitato in cui si parla di cene a base di bastoncini di pesce avanzati, di orgasmi finti, notti in bianco, di mani una volta curate ed ora unte ed appiccicose. Per culminare con la necessità – più che la voglia – di bersi un bicchiere di vino la sera, per assecondare la quale la bionda super-mamma si è iscritta ad un club per lettura di libri.

“The Motherhood’ feat. Fiat 500L,” non è solo un video simpatico, ma il modo in cui Fiat Uk si avvicina al suo pubblico di riferimento, ovvero a quelle madri che tentano con tutte le forze di mantenere il loro grado di stilosità pre-maternità, a quelle che, nonostante tutto, non rinunciano ad essere fashion. Impossibile per qualsiasi donna nelle stesse condizioni non immedesimarsi… Sarà per questo che le vendite aumentano in maniera esponenziale? Della serie: forse quest’auto può salvarmi da questa vita che ho scelto ma in cui non mi riconosco più…

Cibus 2012

Premiato un progetto Advertigo

cibus2012

Parma Dolce Amore del Prosciuttificio La Badia ha ricevuto il “premio speciale come miglior iniziativa di web marketing interattivo”. La premiazione, organizzata dal gruppo editoriale Tespi mediagroup, è avvenuta nell’ambito dei Salumi&Consumi Awards, a latere di Cibus 2012, il più importante Salone del settore alimentare in Italia che si concluderà oggi a Parma. I riconoscimenti sono stati attributi da una giuria qualificata di buyer e operatori di spicco alle migliori iniziative di comunicazione e marketing realizzate nel corso dell’anno 2011. E tra questi progetti c’è anche il nostro.

Il progetto Dolce Amore di Advertigo aveva meritato precedentemente l’attenzione anche dello IAB Mixx 2012, l’importante premio di comunicazione sbarcato dagli Stati Uniti in Italia per valorizzare le strategie e le campagne di advertising digitale.

premiazione-parma-dolce-amore
Ma come nata l’esperienza di Dolce Amore che in brevissimo tempo è riuscita a coinvolgere migliaia di persone e soprattutto un intero territorio, quello di Parma? Proprio la partecipazione e l’interattività con gli utenti della rete sono stati infatti premiati dai Salumi&Consumi Awards.

Il blog è partito da una piccola inserzione nella prima pagina di un quotidiano e si è poi sviluppato esclusivamente nella rete e nei social network. Dolce Amore è così il primo prosciutto social, il primo social brand la cui stessa etichetta è composta dalle immagini inviate dalla community.
Un blog, tre incipit da cui si sono sgorgate tantissime storie, centinaia di foto, disegni, poesie, racconti, memorie, eventi attraverso le voci, i suoni, le tracce di chi ama Parma e il buon mangiare. Un contest culinario è stato poi il motore di una partecipazione appassionata, con immagini e “ricette a base d’Amore” inviate da una meravigliosa community: guest star il prosciutto dolce di Parma Dolce Amore. Tantissime le adesioni con la proclamazione del vincitore da parte di una giuria social.parma-Dolce-Amore2

Un brand che non c’era e che adesso c’è. Un successo di comunicazione e commerciale che ha lanciato il prodotto in quote di mercato nuove ed affezionate.

Per festeggiare è in programma una festa nella nostra agenzia, ovviamente a base di Parma Dolce Amore… un’occasione succulenta per intervistare tutti gli ideatori di questo progetto!